LA CUCINA TRADIZIONALE ROMANA
 
le ricette della cucina romana
 
  L'ABBACCHIO  

 

Così caro ai romani il figlio della pecora, che ne hanno fatto nei secoli cibo prediletto e ingrediente principale di ricette famose. Una parola, abbacchio, che deriva da "abbacchiare", ossia abbattere. Era questa, in epoche lontane, la triste sorte che attendeva gli esemplari che non potevano, per costituzione fisica o per origini, garantire latte o lana all'allevatore.

L'abbacchio quello vero, il più tenero, quello "da latte", non deve avere più di 30 giorni di vita e un peso non superiore ai 4-5 kg. Molte le ricette romane che lo vedono protagonista: a scottadito, alla cacciatora, al forno, brodettato, fritto panato... sempre e solo lui: Sua Maestà l'abbacchio, re incontrastato della tavola nella tradizione romanesca.

Un posto di riguardo, nella cucina dell'abbacchio, è occupato senz'altro dalle interiora dell'animale: polmone, cuore e fegato, che danno vita ad un piatto straordinario: "la coratella".

 
  SECONDI HOME RICETTE